Intormativa

Questo sito utilizza cookie e tecnologie simili, anche di terze parti, per il corretto funzionamento e per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione 'Cookie Policy'

Approvo

Appello degli artisti per la Casa della Pace

Nella città di Roma poco alla volta stanno scomparendo quegli spazi di solidarietà e impegno culturale con caratteristiche sociali; spazi e “centri sociali” costruiti e gestiti da settori di giovani/e impegnati soprattutto nel tentativo di riportare nella città quell’impegno solidale e quella cultura che l’aveva nel tempo contraddistinta e caratterizzata.

Leggi tutto...

A Pisa si manifesta contro la guerra

Come in molte altre città italiane, anche a Pisa è scesa in piazza ieri pomeriggio l'opposizione alle politiche di guerra del governo Renzi e dell'Unione Europea, alla militarizzazione del territorio e della giornata del 2 Giugno, festa della

Leggi tutto...

Pisa: sabato 16 maggio contestiamo Salvini e il fascioleghismo

Salvini e il suo partito da operetta ripetono per la seconda volta la pantomima del primo maggio: promuovono una iniziativa e la disdicono, poi come "topi di fogna" appaiono furtivamente ad uso e consumo di TV e giornali, estremamente disponibili a pubblicare qualsiasi atto, dichiarazione, sberleffo razzista e fascista di questo figuro. L'obiettivo di questa sovraesposizione mediatica ci sembra chiaro: coadiuvare la creazione in Italia di un polo reazionario/fascista in grado di scardinare definitivamente quel che rimane della "casa della libertà" berlusconiana. 
Morto il progetto politico dell'omino di Arcore, occorre ricostruire uno spauracchio funzionale al "voto utile" per il governo in carica.
Un "dividi et impera" tecnologicamente avanzato, finalizzato alla stabilizzazione di un quadro politico che deve essere dominato dal Partito della Nazione di Renzi, unico garante fidato delle politiche imperialiste dell'Unione Europea e dei grandi potentati economici (quei pochi che rimangono) a radice nazionale: ENI, Finmeccanica, Confindustria, Banche, Assicurazioni.

Questa volta Salvini non si potrà permettere il giochetto di smentire e poi apparire a suo piacimento: gli antifascisti pisani vigileranno su tutto il territorio cittadino per prevenire presenze aliene leghiste, fasciste, rosso/brune.

L'appuntamento per gli antirazzisti, gli antifascisti, i democratici è per sabato 16 maggio alle ore 19 in piazza Guerrazzi.

Rete dei Comunisti Pisa

Fuori i fascioleghisti da Pisa. Contestiamo Salvini il 1 Maggio a Tirrenia

A pochi giorni di distanza dalla sua visita a Livorno, dove è stato accolto da uova e fischi per poi abbandonare la città scortato dalle forze dell’ordine, il leader della Lega Nord Salvini ritorna in Toscana, per un comizio a Tirrenia. L’obiettivo è strumentalizzare la festa dei lavoratori, da parte di chi è corresponsabile diretto della

Leggi tutto...

I nostri contatti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I nostri tweet