Intormativa

Questo sito utilizza cookie e tecnologie simili, anche di terze parti, per il corretto funzionamento e per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione 'Cookie Policy'

Approvo

Milano 21 giugno: 'Italexit. Perché bisogna rompere l'Unione Europea'

La Rete dei Comunisti organizza l'incontro con Luciano Vasapollo
"ITALEXIT. Verso un'area mediterranea" Perché è necessaria la rottura dell'Unione Europea

Giovedì 21 giugno, CAM Garibaldi, Corso Garibaldi 27 - Milano

Introduce Davide Bonfante (Rete dei Comunisti Milano)

www.retedeicomunisti.org
www.contropiano.org

[Luciano Vasapollo è autore o coautore di diverse pubblicazioni fra cui "Piigs: il risveglio dei maiali", "Che Guevara economista", "Trattato di economia applicata. Analisi critica della mondializzazione capitalista", "Chavez presente!"]

La prospettiva dell’Italexit, cioè di una fuoriuscita unilaterale del nostro paese dagli apparati del vincolo esterno come Unione Europea, Eurozona e Nato, necessita ormai di essere declinata con indicazioni sempre meno allusive e sempre più credibili.

Dai risultati delle elezioni italiane, così come dai referendum di diversa natura con cui i popoli europei si sono pronunciati negli ultimi anni, emerge sempre più chiaramente una diffusa ostilità nei confronti dell’Unione Europea, mentre nei ristretti circoli dell’ establishment si lavora per un inasprismento dei suoi meccanismi e non tramontano le ipotesi di un’ Europa a due velocità. 

E' arrivato per noi il momento di discutere di una prospettiva di ITALEXIT popolare e di classe e di farlo anche nella città agganciata al "nucleo duro" dell'UE e che incarna una visione di Italia a due velocità.

Una città, Milano, sempre più orientata a rappresentare a tal punto gli interessi nazionali e internazionali della borghesia e delle elite finanziarie da far dire al sindaco Sala, già amministratore delegato di EXPO, che Milano, in assenza di risposte, si rivolgera’ direttamente all’Europa per continuare ad attrarre il mondo della finanza e delle imprese. 

La nostra prospettiva di ITALEXIT scaturisce dalla constatazione dell’irriformabilità in senso democratico e progressista dell’attuale Unione Europea. Non è infatti pensabile che in un progetto del capitale, voluto dal capitale e guidato dal capitale ci siano gli spazi per il miglioramento delle condizioni delle classi popolari.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

I nostri contatti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I nostri tweet