Intormativa

Questo sito utilizza cookie e tecnologie simili, anche di terze parti, per il corretto funzionamento e per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione 'Cookie Policy'

Approvo

Rovato 17 ottobre. I referendum del Lombardo Veneto sono una truffa

ALTRO CHE CATALOGNA! I REFERENDUM del Lombardo Veneto sono la vera TRUFFA

Qualsiasi opinione si possa avere su ciò che sta accadendo in Catalogna, la questione indipendentista catalana non ha nulla a che vedere con i referendum convocati dai governi regionali di Lombardia e Veneto.

Queste consultazioni hanno il consenso del governo centrale, così come quello delle principali forze politiche delle due regioni.  Quindi non avrebbero ragione d'essere. Questi referendum fanno domande banalissime senza alcuna conseguenza formale, ma nella sostanza sono una operazione di consenso verso i governatori della Lega, senza lasciare ai consultati nulla su cui decidere.

Per questo sono referendum truffa, dove il non detto e non spiegato è tutto, e ciò che viene sottoposto al voto nulla! La sola cosa vera, ma ai più nascosta, è che questi referendum sono la scorciatoia per far funzionare meglio le politiche di austerità imposte dall’Unione Europea.

Questi referendum vogliono cancellare la vittoria del NO, di un anno fa, in difesa della Costituzione.

Per questo sono pericolosi, perché cancellano la volontà popolare che dicono di voler fare esprimere.

Siamo quindi contro questi referendum e lo spiegheremo 

 

MARTEDÌ 17 OTTOBRE alle 20.30 al CENTRO SOCIALE 28 MAGGIO di Rovato

Organizza: Piattaforma Sociale Eurostop, Centro Sociale 28 maggio, PCI Brescia, Rete dei Comunisti, Rifondazione Comunista Brescia, USB.

Intervengono: Marta Collot di “NOI RESTIAMO” di ritorno dalla Catalogna,  Giorgio Cremaschi, Antonello Patta, Lamberto Lombardi, Davide Bonfanti, Nico Vox.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

I nostri contatti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I nostri tweet