Intormativa

Questo sito utilizza cookie e tecnologie simili, anche di terze parti, per il corretto funzionamento e per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione 'Cookie Policy'

Approvo

Roma 10 aprile, presentazione de 'La tempesta perfetta'

Tempesta Perfetta è la prima prova editoriale della Campagna Noi Restiamo.

Pubblicata da Odradek, raccoglie i contributi di dieci economisti italiani e internazionali – Riccardo Bellofiore, Giorgio Gattei, Joseph Halevi, Simon Mohun, Marco Veronese Passarella, Jan Toporowski, Richard Walker, Luciano Vasapollo, Leonidas Vatikiotis, Giovanna Vertova – sulla crisi.

Qui la prima recensione: http://contropiano.org/news/cultura-news/2016/10/28/tempesta-perfetta-nove-interviste-capire-la-crisi-085209

L’incontro sarà occasione per parlare dell’attuale crisi sistemica del capitalismo esponendo i diversi approcci degli Autori degli articoli presenti nel libro “La tempesta perfetta”. Ciò è chiaramente legato alle dinamiche dell’attuale fase del conflitto interimperialistico riferendosi anche ai recenti fatti accaduti in Venezuela e di come dal punto di vista del diritto non sia stato perpetrato alcun abuso. Nel Venezuela attuale si confrontano duramente e strategicamente due progetti, perché da un lato il progetto bolívariano vuole costruire una società socialista, dall’altro il progetto della già superata Quarta Repubblica, che veniva chiamata “democrazia rappresentativa”, ma in verità era una democrazia delle elite, che vuole reimporre il dominio imperialista attraverso l’oligarchica.
Il terrorismo della guerra anche nei suoi aspetti massmediatici, psicologici e di attacco allo Stato di diritto dell’autodeterminazione dei popoli, attuati dal Governo USA hanno da sempre cercato in ogni modo di ostacolare l’avanzamento del progetto bolívariano attraverso due strategie: isolare il Paese dal l’esterno e fomentare una destabilizzazione interna. In gioco non c’è solo l’autodeterminazione del popolo venezuelano, sappiamo, infatti, che l’imperialismo vuole sconfiggere l’esempio della stessa idea della fattibilità della rivoluzione socialista, dell’attuazione della pianificazione contro le regole del profitto.
È necessario formare coscienza e organizzazione di classe per continuare a costruire una società diversa, diretta alla maggioranza della popolazione e non a chi vorrebbe tornare alla situazione del colpo di Stato del 2002 e ridare il Paese in mano all’oligarchia capitalista che fa gli interessi imperialisti e neocolonialisti.
L’ambasciatore della Repubblica Bolivariana di Venezuela in Italia S.E. Isaia Rodriguez spiegherà come le dichiarazioni dell’opposizione siano frutto di attacchi congiunti da parte dei paesi che vogliono in ogni modo attaccare la sovranità e l’autodeterminazione del popolo venezuelano.

Introduce e coordina
Riccardo Rinaldi (Campagna Noi Restiamo); 
Intervengono
S.E. Juliàn Isaias Rodriguez Diaz
(Ambasciatore della Repubblica Bolivariana del Venezuela)
Luciano Vasapollo (Professore Sapienza - Università di Roma);
Cristina Mazzoccoli (Collettivo CUMA);

LUNEDì 10 APRILE ORE 17
Sapienza Università di Roma - Facoltà di Scienze Politiche
III Piano - Aula 304

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

I nostri contatti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I nostri tweet